10 agosto 2012

Roma, Olimpiadi 1960

oli

Furono le Olimpiadi che portarono Roma alla ribalta mondiale, le prime che gettarono le basi verso lo sport moderno, le ultime, a dire di molti protagonisti, nelle quali si respirò il vero spirito sportivo di De Coubertin. La Rai trasmise in tutta Europa oltre 100 ore di immagini che immortalarono i grandi sportivi di allora: la vittoria dell’etiope Abebe Bikila che corse la maratona senza scarpe; l’Oro nei mediomassimi di Cassius Clay che appena diciottenne si impose per velocità e potenza; lo strapotere dell’americana Wilma Rudolph che vinse tutto, i 100, i 200 e la staffetta; il miracolo di Livio Berruti che eguagliò il record del mondo nei 200; i tre Ori nel pugilato con Nino Benvenuti nei welter, Francesco Musso nei piuma e Franco De Piccoli nei massimi. Fu anche l’Olimpiade dell’URSS nella ginnastica femminile con 15 medaglie su un massimo di 16 possibile e dell’Italia nel ciclismo con 5 Ori sui 6 disponibili.

XVII Olimpiade:

Cerimonia d’apertura:
25 agosto 1960

Cerimonia di chiusura:
11 settembre 1960

I vincitori italiani

Oro:

Livio Berruti (Atletica leggera – 200 metri piani) Sante Gaiardoni (Ciclismo – Inseguimento su pista individuale) Giuseppe Beghetto, Sergio Bianchetto (Ciclismo – Tandem) Sante Gaiardoni (Ciclismo – 1 Km. cronometro da fermo) Luigi Arienti, Franco Testa, Mario Vallotto, Marino Vigna (Ciclismo – 4 Km. inseguimento su pista a squadre) Antonio Bailetti, Ottavio Cogliati, Giacomo Fornoni, Livio Trapè (Ciclismo – 100 Km. cronometro su strada a squadre) Raimondo D’Inzeo (Equitazione – G.P. Nazioni individuale) Amedeo Ambron, Danio Bardi, Giuseppe D’Altrui, Salvatore Gionta, Giancarlo Guerrini, Franco Lavoratori, Gianni Lonzi, Luigi Mannelli (pallanuotista), Rosario Parmegiani, Eraldo Pizzo, Dante Rossi, Brunello Spinelli (Pallanuoto maschile) Francesco Musso (Pugilato – Categoria pesi piuma) Nino Benvenuti (Pugilato – Categoria pesi welter) Francesco De Piccoli (Pugilato – Categoria pesi massimi) Giuseppe Delfino (Scherma – Spada individuale) Giuseppe Delfino, Edoardo Mangiarotti, Fiorenzo Marini, Carlo Pavesi, Alberto Pellegrino, Gian Luigi Saccaro (Scherma – Spada a squadre).

Argento:

Aldo Dezi, Francesco La Macchia (Canoa-Kayak – C2 1.000 metri) Tullio Baraglia, Renato Bosatta, Giancarlo Crosta, Giuseppe Galante (Canottaggio – quattro senza) Livio Trapè (Ciclismo – corsa su strada individuale) Giovanni Carminucci (Ginnastica – parallele) Primo Zamparini (Pugilato – gallo) Sandro Lopopolo (Pugilato – leggeri) Carmelo Bossi (Pugilato – welter pesanti) Aldo Aureggi, Luigi Carpaneda, Mario Curletto, Edoardo Mangiarotti, Alberto Pellegrino (Scherma – fioretto a squadre) Piero D’Inzeo (Sport equestri – gran premio nazioni individuale) Galliano Rossini (Tiro al volo – piattello).

Bronzo:
Giuseppina Leone (Atletica – 100 metri donne) Abdon Pamich (Atletica – marcia 50 Km) Fulvio Balatti, Romano Sgheiz, Ivo Stefanoni (tim.), Franco Trincavelli, Giovanni Zucchi (Canottaggio – quattro con) Valentino Gasparella (Ciclismo – velocità) Franco Menichelli (Ginnastica – corpo libero) Giovanni Carminucci, Pasquale Carminucci, Gianfranco Marzolla, Franco Menichelli, Orlando Polmonari, Angelo Vicardi (Ginnastica – concorso generale a squadre) Giulio Saraudi
(Pugilato – medio massimi) Wladimiro Calarese (Scherma – sciabola individuale) Giampaolo Calanchini, Wladimiro Calarese, Pier Luigi Chicca, Roberto Ferrari, Mario Ravagnan (Scherma – sciabola a squadre) Irene Camber, Velleda Cesari, Bruna Colombetti, Claudia Pasini, Antonella Ragno (Scherma – fioretto a squadre donne) Sebastiano Mannironi (Sollevamento pesi – piuma) Piero D’Inzeo, Raimondo D’Inzeo, Antonio Oppes (Sport equestri – gran premio nazioni
a squadre) Antonio Ciciliano, Antonio Cosentino, Giulio De Stefano (Vela – classe Dragoni)