29 agosto 2011

Carmen Russo e la sua nuda…verità

CARMEN_RUSSO

Quando ho intervistato Carmen Russo…

Quando ho intervistato Carmen Russo stava giusto per uscire col suo libro autobiografico dall’ammiccante titolo “La mia nuda verità” a cui faceva da corredo una premessa scritta da Antonio Ricci. A parte chiedersi se ci fosse bisogno o no di una sua biografia, la cosa che aveva fatto discutere allora, circa un paio d’anni fa, era che la “Carmen nazionale” parlava, tra le altre cose, anche di Berlusconi, facendo intendere chissà quali misteri da svelare… Cosa non si farebbe pur di vendere un libro, dico io, e noi giornalisti tutti là a chiederle cosa avesse “rivelato” sul Cavaliere più di quello che già non si sapeva allora, con le varie D’addario, sulla sua passione per le donne. 

Paga il gossip e lo sbirciare dal buco della serratura, si sa…

Erano gli anni Ottanta quelli di Carmen Russo, il periodo di Drive In e dei primi incontri clandestini con quello che sarebbe diventato in seguito suo marito, Enzo Paolo Turchi. Il libro non va molto più in là di questo, così prima dell’uscita il caso non si era montato e la bolla di sapone era esplosa prima ancora che riuscisse a diventare grande. Carmen, icona sexi di quegli anni, che sta con lo stesso uomo da una vita, ha fatto uscire una biografia pulita, pulita…  si spiegano gli inizi della sua carriera, i suoi ricordi sui colleghi, come Beruschi, Greggio e gli altri del Drive In, si parla di Berlusconi come imprenditore… Così, è uscita una biografia all’acqua si rose rispetto a quello che si vede e si sente oggi su mondo dello spettacolo. Oggi non puoi più fare la ballerina in santa pace, che subito ti propongono una carica pubblica! Ehee, bei tempi quelli di Carmen, dove una donna dello spettacolo era e faceva solo quello…

Nuda la sua verità, e pulita, pure troppo per appagare la pruderie degli italiani che, con qualche ruga in più, la ricordavano come la finta ochetta di Drive In, la trasmissione cult di quel periodo. Un ricordo tenero, un sorriso che tutti facciamo a noi stessi, per il tempo che passa, e a lei per aver voluto rispolverare un periodo che, nonostante la commedia sexi all’italiana a cui Carmen partecipò facendo molte docce, ;)  di scandaloso non aveva proprio niente!

Per approfondire leggi la mia intervista a Carmen Russo pubblicata su InEuropa del 14 dicembre 2009