23 dicembre 2011

Alberello di pandoro con ganache di cioccolato… e buone feste a tutti!

Alberello di pandoro con ganache di cioccolato… e buone feste a tutti!

E per concludere…il dolce!

Il Natale è alle porte e dopo avervi consigliato un menù in abbinamento ai vini più adatti, non mi rimane che consigliarvi un buon dolce per concludere degnamente il pranzo! Si tratta di un dolce che al posto del pan di spagna utilizza il pandoro, quindi molto veloce da fare, economico e divertente, soprattutto se avete dei bambini. A voi la ricetta e… buone feste a tutti! :)

RICETTA

Ingredienti per 5-6 persone:

  • 250 g di mascarpone
  • 200 g di panna fresca
  • 1 albume d’uovo,
  • 2 cucchiai di zucchero
  • 1 tazza di caffè
  • Grappa, mezzo bicchiere 
  • pandoro 1 confezione
  • confetti q.b.

Per la ganache di cioccolato fondente:

  • cioccolato fondente 250 g
  • 250 gr di panna fresca
  • grappa q.b. 

Preparazione:

Iniziate montando la panna e incorporatela nel mascarpone a cui aggiungerete lo zucchero l’albume montato a neve. Mischiate il caffè con la grappa che utilizzerete per inzuppare velocemente le fette di pandoro. Prendete uno stampino per torte a forma di alberello e rivestitelo internamente con della pellicola alimentare. Tagliate delle fette di pandoro dello spessore di 1,5 cm e mettetele nello stampo, bagnandole con il caffè zuccherato e un pochino di grappa (se preferite miscelateli assieme). Fatto il primo strato che dovrà coprire molto bene tutti gli eventuali spazi tra una fetta e l’altra, mettete la crema di mascarpone che avete fatto in precedenza. Continuate con un altro strato di pandoro, leggermente bagno, poi la crema e così via. Prendere altra pellicola alimentare e coprite l’ultimo strato di pandoro. Mettete in frigorifero per un paio d’ore. Trascorso il tempo previsto cominciate a preparare  la ganache:  portate a bollore la panna e versarla sul cioccolato freddo, tagliato a dadini.al cioccolato). Togliete l’alberello dalla pellicola e mettetelo su un piano di lavoro. Con un leccapentole ricoprite l’alberello, facendo delle piccole onde con un cucchiaio, che gli darà movimento. Completate con dei confetti argentati. Tagliate solidificare il cioccolato e mettete in frigorifero. Prima del consumo lasciatelo a temperatura ambiente per una decina di minuti. Buon Natale! Ah, sì certo, anche buon appetito! :)

Abbinamento:

Ci metterei un buon passito rosso, come un l’Elba Aleatico. Rosso rubino carico con profumi tipici: viola, marasca e frutta cotta. In bocca è dolce ed avvolgente con una buona acidità che lo rende equilibrato ed elegante.  

 
14 dicembre 2011

Risotto alla crema di gamberoni

Risotto alla crema di gamberoni

Un risotto dall’avvolgente aroma, per una cenetta a due o per tutta la famiglia!

 

Oggi sono un pò di fretta, ma trovo il tempo per consigliarvi questo delizioso risotto che, grazie ai crostacei e alla panna, è caratterizzato da una certa, sostanziale tendenza dolce, mettendo in risalto l’aromaticità del piatto. Vi consiglio, dunque, un vino bianco o rosato, di medio corpo, oppure un Metodo Classico con delle bollicine morbide e avvolgenti, come potrebbe avere un Franciacorta Saten.  A proposito, già (qui) vi avevo preannunciato di aver provato un Saten molto interessante di cui vi avrei parlato di lì a poco…Curiosi? Bene, abbiate pazienza fino a domani! ;) Intanto beccatevi questa ricetta!

Ingredienti per 4 persone 

  • 250 g di riso Carnaroli
  • 1 cipolla
  • 250 g di gamberoni
  • 12 Gamberoni per la decorazione
  • 2 spicchi d’aglio
  • 100 ml di panna da cucina
  • Prezzemolo q.b
  • Rum 1 bicchiere
  • Olio evo q.b.
  • Sale rosa dell’Himalaya (o altro :) )
  • Brodo di verdura

Procedimento

Iniziate con la preparazione della crema di gamberi. Pulite i crostacei e cuoceteli per 5 minuti con dell’Olio Evo e uno spicchio d’aglio,che avrete tagliato in due parti. Sfumate con rum e cuocete per altri due minuti. I gamberi si dovranno insaporire, senza lasciare asciugare troppo il fondo di cottura. Spegnete il fuoco e fate riposare. Dopo un paio di minuti, passate i gamberi e il fondo di cottura, a cui avrete tolto l’aglio, nel mixer. Frullate, aggiungendo la panna e correggendo col sale. Dovrà risultare una crema piuttosto morbida. Iniziate con la preparazione del riso. Tagliare finemente la cipolla e farla soffriggere in una pentola con dell’Olio Evo. Aggiungere il riso, facendolo tostare per circa un minuto, quindi sfumare con del Rum. Proseguite la cottura col brodo. Una volta ultimata, mantecate con la crema di gamberi e tenete in caldo. In una padella mettete poco Olio Evo, lo spicchio d’aglio tagliato in due ed i gamberoni. Fateli cuocete due minuti per parte e sfumate con del rum. Preparate i piatti con i risotto ed i gamberoni tutti intorno. Buon appetito.

Abbinamento

Franciacorta Saten… leggi la recensione!

Con questo piatto partecipo al contest di Natale di “Ricette della Nonna” dal titolo “Ricette delle feste tra tradizione e innovazione”.

1 settembre 2011

Il mio caffettino alla viennese con cannella e cioccolato

Un caffettino goloso, goloso…

La cannella è una delle mie passioni, la utilizzo per aromatizzare il caffè che, generalmente, bevo senza zucchero. In questo caso, però, ho proprio voluto esagerare utilizzando sia la panna che il cioccolato :) . E’ venuto fuori un caffettino alla viennese, molto goloso e, ahimè, calorico.

Ingredienti per 1 una tazzina

  • caffè Milani 100% arabica
  • panna fresca da montare
  • cannella in polvere q.b
  • ghirigli di cioccolato fondente
  • salsa al cioccolato

 

 

Procedimento

Mettete nella tazzina uno strato di salsa al cioccolato e versateci sopra il caffè appena fatto. Aggiungete la panna che avrete montato e messo in un sac a poche, della cannella in polvere ed infine dei gherigli di cioccolato fondente. Accompagnate con dei biscotti al cioccolato (la ricetta la trovate qui).

Con questa ricetta partecipo al seguente contest:

Dicesi la vera fortuna del principiante… ho vinto il contest!

Questa la motivazione: “Macef si è concluso e con lui tutti gli eventi organizzati compresi i contest per i bloggers! Ci scusiamo per il ritardo nella comunicazione del vincitore del contest Coffee Design Kit, ma una serie di imprevisti ne hanno rallentato la pubblicazione…GIORDANA TALAMONA ha inviato la proposta che più si avvicina alla filosofia del coffee design kit! Complimenti!! andate a curiosarne la ricetta!”

3 agosto 2011

Risotto mare e monti con crema di scampi e funghi porcini

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Ecco un primo piatto che accontenta tutti…

Visto che ognuno di noi preferisce, per propria natura, il mare o la montagna, ho pensato ad un piatto che accontenti entrambe le scuole di pensiero… Almeno se avrete obbligato quella “santa donna di vostra moglie” a seguirvi sul K2 oppure quel “martire del vostro fidanzato” ad aspettarvi, per ore, sulla spiaggia mentre voi fate immersioni (questa è un pò autobiografica? noooo… :) ), potrete sempre direAmore, questo piatto fa proprio per te che ami la montagna (oppure il mare)!”. Cosa volere di più? Vacanze separate? Noooooo:)   

RICETTA per 4 persone

Ingredienti

  • Riso Arborio, un pugno per persona
  • 1 scalogno
  • Olio extravergine d’oliva
  • 10-12 scampi
  • 50 g di funghi porcini
  • panna da cucina, 100 ml
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • brodo di verdure
  • prezzemolo tritato
  • 2 spicchi d’aglio
  • rum q.b.
  • sale rosa dell’Himalaya (che accontenta gli amanti della montagna…)

Procedimento

Tagliate lo scalogno, fatelo rosolare con dell’olio in una pentola fino a farlo dorare. Buttate il riso tostandolo per 1 minuto e sfumate con il vino bianco. Fate cuocere per 20 minuti. Nel frattempo sgusciate gli scampi, metteteli in una padella con dell’olio e uno spicchio d’aglio a cui è stata tolto il germoglio interno. Fateli rosolare per un minuto e bagnate con un goccio di rum. Prima di farlo sfumare completamente abbiate cura di spegnere la fiamma lasciando il fondo di cottura. Lasciate riposare per una decina di minuti, togliete l’aglio, quindi frullate gli scampi aggiungendo la panna, un cucchiaino di prezzemolo e il sale rosa dell’Himalaya.  Ora preparate i funghi, che avrete fatto ammollare per una ventina di minuti in acqua tiepida. Metteteli in una padella, dopo averli scolati dall’acqua ed asciugati, aggiungendo un filo d’olio e l’ aglio senza l’anima verde. Fateli rosolare per 5 minuti poi sfumate col vino e proseguite la cottura per altri 5 minuti salando appena. Quando il riso risulterà al dente, toglietene metà e finite la cottura facendolo saltare in padella con i funghi, aggiungendo del brodo in caso di necessità. Finite la cottura dell’altra metà di riso nella pentola, mantecandolo con la crema di scampi. Assemblate ora il piatto in questo ordine: sul fondo mettete il risotto di scampi creando un cerchio, finendolo con il risotto ai funghi trifolati e spolverata di prezzemolo. Decorate con i gusci degli scampi.  

Abbinamento:

Ci vedrei bene un buon Sauvignon prodotto nel Collio, in Friuli, dai raffinati aromi di mela verde, pompelmo rosa, menta, erbe aromatiche e lunghi soffi minerali che accarezzano il palato, supportati da una buona feschezza citrina.

Con questa ricetta partecipo al contest “Tanto fumo e tanto arrosto“.