15 gennaio 2016

Benvenute Donne della Vite

Sono agronome, enologhe, giornaliste, comunicatrici, ricercatrici, analiste, ristoratrici, sommelier, ma anche creative. Il loro denominatore comune è la vite e tutto il mondo che gira intorno ad essa e al vino. Un mondo a cui le fondatrici propongono di guardare da un’angolazione nuova, e per così dire laterale, di condivisione e reciproco riconoscimento, di creatività e innovazione, di comunicazione e anche di capacità di fare.

donne vite

Sono determinate e vogliono fare sentire la loro voce, attraverso un punto di vista del tutto nuovo. Sono Le Donne della Vite, la nuova associazione del vino in rosa, che nasce con l’obiettivo di creare un punto di riferimento e un’occasione di aggregazione per le donne che operano nel mondo vitivinicolo. Un gruppo eterogeneo, composto da agronome, enologhe, giornaliste, comunicatrici, ricercatrici, analiste, ristoratrici, sommelier e creative, che fa di queste professionalità diverse il suo punto di forza e unione.

tortaGli obiettivi e il Manifesto della nuova associazione si fonda su concetti primari come l’Etica, l’Estetica e la Bellezza, ma anche sull’ironia e l’autoironia, qualità che non vengono valorizzate, come spiega Valeria Fasoli, presidente della neo associazione e agronomo viticolo: «All’inizio non avevo le idee chiare, ma la necessità e il desiderio di far emergere nella mia professionalità anche gli aspetti che rischiavano di restare sommersi e che rispecchiano valori per me fondamentali come etica, estetica e bellezza nei luoghi, nelle persone, nelle cose di tutti i giorni. Poi ho incontrato compagne di viaggio con esperienze, competenze, nonché punti di vista differenti e il mio sogno è diventato realtà e l’idea iniziale si è concretizzata grazie alla forza del gruppo. Ora il filo conduttore è il desiderio di creare lo spazio e la cultura per un sistema di valori nei quali crediamo sia possibile collocare agricoltura e vitivinicoltura in particolare. È questo il “nuovo luogo”, in cui principi e regole sono diversi, nel quale nel nostro manifesto invitiamo donne e uomini ad entrare».

Restano da capire i reali progetti di questo nuovo gruppo di donne coraggiose, che sembrano tuttavia avere le idee chiare sulla necessità di ripartire dalla natura, la Vite appunto, come luogo di rinascita e valorizzazione del Paesaggio italiano, dell’ecosostenibilità e della territorialità dei vini che, vivaddio, dovrebbero raccontare le peculiarità dell’Italia, che da nord a sud,  «evoca emozioni che si trasmettono inconsciamente fino alla qualità percepita del vino».

In bocca al lupo, dunque, e buon lavoro.

 

 

9 settembre 2014

DENIS MONTANAR E AURELIO DEL BONO APRONO LA RASSEGNA “VINI BIO” AL MILLE STORIE E SAPORI

Nell’ambito della rassegna “Mille Storie e Sapori presenta i vignaioli”, sono stati ospiti i due storici produttori che si sono confrontati sul metodo biodinamico.

trio1 (2)

Da sinistra Aurelio Del Bono, Paolo Stefanetti e Denis Montanar

La prima di una lunga rassegna di incontri coi produttori, per uscire dai luoghi comuni e conoscere da vicino le migliori realtà produttive dei nostri territori

Lunedì 8 settembre, alle ore 20.00, presso il ristorante Mille Storie e Sapori di Bergamo, si è aperta la rassegna “Vini Bio” con la partecipazione di due storici produttori biodinamici, Denis Montanar, dell’omonima azienda agricola friulana e Aurelio del Bono, della franciacortina Casa Caterina. Una serata di degustazione concepita come una vera e propria tavola rotonda, nella quale il pubblico presente si è confrontato, in maniera diretta e informale, coi due produttori sul noto e talvolta vituperato metodo biodinamico, che “utilizza le forze naturali per aumentare la fertilità dei terreni”.

“Sono stati i due produttori a raccontare la loro storia e filosofia produttiva, presentando personalmente i vini in degustazione, – spiega Paolo Stefanetti, chef, sommelier e patron del ristorante – ai quali ho abbinato un menù studiato per accompagnarne le particolari caratteristiche organolettiche”. Vini decisamente anticonvenzionali, non c’è che dire, non solo per il metodo scelto, ma perché nascono, seppure da storie diverse,  dalla medesima volontà di fare prodotti fuori dagli schemi.

Denis Montanar, quarta generazione di agricoltori, entra nel settore vinicolo nel 1989 quando prende in affitto i vigneti del nonno. Dopo pochi anni acquisisce altri 12 ettari circa di proprietà, una parte dei quali viene destinato alla produzione di antiche varietà di frumento, mais e grano saraceno.  Ogni anno produce, seguendo lo stesso metodo, l’azienda Montanar coltiva 30 quintali sia per mais, soia, che frumento Nel 2013 Denis Montanar decide di utilizzare il suo nome come marchio dell’azienda a cui affianca i tre toponimi delle terre dove coltiva i suoi prodotti: Borc Dodon, Borc Sandrigo e Scodovacca. Produzione annua media: 27 mila bottiglie.

“La bufala più grossa sui vini biodinamici? Che non sono eleganti e che hanno odori sgradevoli. – spiega durante la serata Denis Montanar – In realtà, come in tutti i processi naturali, quando si comincia con la produzione bio occorre stabilizzarsi, imparare a conoscere il proprio terreno, i lieviti indigeni e il metodo in cantina. Chi fa vini bio da un po’ di anni, li fa con criterio conoscendo direttamente tutti i processi e le variabili di cantina”.

Aurelio Del Bono di Casa Caterina coltiva, col fratello Emilio, sette ettari di vigna nel comune di Monticelli Brusati, in provincia di Brescia. Nonostante i terreni siano posti in uno dei comuni del Franciacorta Docg, i fratelli Del Bono rinunciano volontariamente alla denominazione per tutti i loro metodo classico. Una scelta coraggiosa che permette loro di sperimentare vie alternative, creando vini del tutto atipici. Produzione annua media: 30 mila bottiglie.

“Amiamo sperimentare e non rimanere prigionieri dei disciplinari che tendono a uniformare tutte le produzioni. – spiega Aurelio Del Bono – Oggi attraverso i lieviti selezionati, si possono fare vini progettati a tavolino, con certi aromi e profumi che non rappresentano più il territorio, ma le scelte dell’enologo. I nostri vini, al contrario, rappresentano ancora il gusto della terra, nel rispetto delle vigne e del terroir“.

Durante la serata sono stati degustati in escalation la Brut Cuvée 60 2009 (100% Chardonnay – 9000 bottiglie annue), il Friulano 2013 (5000 bottiglie annue),  il Brut Antique 2002 (100% Pinot Meunier – 5000 bottiglie) l’Uis Blancis 2009 (55% Tocai Friulano, 30% Sauvignon, 10% Pinot Bianco, 5% Verduzzo Friulano – 3000 bottiglie annue) e il Brut Sec Demy Out Style 2001 (100% Pinot Noir- 800 bottiglie solo in magnum).

“E’ un piacere poterli ospitare e far conoscere la loro storia ai bergamaschi.  – conclude Stefanetti – Il nostro locale è nato, infatti, come un luogo d’incontro dove chiunque può approfondire la cultura dell’enogastronomia, attraverso i racconti, le persone e i sapori. Una filosofia che si rinnova durante ogni serata”. Mille Storie e Sapori nasce nel 2012 per volontà della famiglia Stefanetti, per promuovere la cultura enogastronomica a Bergamo. Paolo Stefanetti, patron del ristorante ha lavorato per 32 anni presso il tristellato “Da Vittorio”.

 

Mille Storie e Sapori

Viale Papa Giovanni XXIII n. 18 – Bergamo

Per informazioni sulle prossime serate: tel. 0354220121

Sito: www.millestoriesapori

brut

 

montanar1

 

 

brut2

 

montanar2

 

montanar3

brut3

18 luglio 2014

Parte la nuova edizione siciliana del Blues & Wine Soul Festival

Grandissima la presenza di guest stars, a cominciare Sharrie Williams, considerata la più grande cantante americana del genere blues-gospel.

joe

Il Blues & Wine Soul Festival, con la Super Official Band  internazionale di Joe Castellano, spegne quest’anno le dodici candeline. Questa nuova edizione, che parte ufficialmente ad agosto da Porto Empedocle,  si preannuncia ricca di appuntamenti che uniranno la grande musica soul con l’arte, la storia, il giornalismo e la cultura enogastronomica del territorio.

Grandissima la presenza di guest stars, a cominciare da colei che è considerata la più grande cantante americana del genere blues-gospel, Sharrie Williams. Con lei ci saranno anche la soul-singer Laeh Jones, Gordon Metz e Daria Biancardi, la “Soul Queen of Italy”, reduce dal talent show di Rai2 “The Voice of Italy, lanciata otto anni fa proprio da Joe Castellano.

E ancora, il ritorno di uno dei più grandi chitarristi del blues mondiale, James Owens, e  nomi straordinari di Earth Wind & Fire di Al McKay, come il percussionista David Leach (ex della band di Bob Seger), il trombettista cubano Omar Peralta e il grande sassofonista Ed Wynne (già alla corte dei Doobie Brothers), da 4 anni nella Joe Castellano Band (JCB).

Una sola nota amara emerge dalle parole del musicista Joe Castellano, ideatore della kermesse: “A causa della pesante inerzia della Regione Sicilia e allo stato di dissesto, o di non felice gestione di molti Comuni, quasi sicuramente quella del 2014 sarà l’ultima edizione siciliana. Dal 2015 la kermesse, col “Festival del Giornalismo Enogastronomico”, toccherà infatti i territori italiani più vocati al turismo ed all’enogastromia, lasciando la Sicilia come una delle tappe del “Circuito Italia” .

Per informazioni e prenotazioni: www.bluesandwine.com

Cultura del cibo e del vino

Durante questa dodicesima edizione parteciperanno cuochi, scrittori, giornalisti, conduttori di programmi televisivi come Bruno Gambacorta di “Tg2 Eat Parade”, Andrea Scanzi de “Il Fatto Quotidiano”, il direttore di Italian wine & food Institute di New York, Lucio Caputo, Felice Cavallaro del Corriere della Sera, Giulia Cannada Bartoli, direttore di Officine Gourmet, Andy Luotto, attore comico della banda di Arbore e celebre chef nella veste di scrittore.

Anche quest’anno verrà assegnato il premio “Giornalismo, Editoria: Blues & Wine Awards” durante l’ottava tappa sull’Etna (7-10 agosto), da questa edizione abbinato al “Festival del Giornalismo Enogastronomico” del Blues & Wine. Il premio nasce da una idea di Joe Castellano e Nicola Dante Basile, scrittore giornalista e blogger di “TerraNostra” per il Sole-24Ore, promotore del gemellaggio tra “Blues & Wine Soul Festival” e “Libri da Gustare” di La Morra (Cuneo).

Il calendario del Sicily Summer Tour 2014

TAPPA SPECIALE “Strada degli Scrittori” – PORTO EMPEDOCLE

 1 Agosto – Porto Empedocle - P.zza KENNEDY -     Grande concerto di JOE CASTELLANO SUPER BLUES & SOUL BAND con le leggende Americane del Soul.
  
 Tappa Speciale CASTELBUONO – gemellata con PAESE DIVINO FESTIVAL
  2 Agosto - Castelbuono – Chiostro S.Francesco - Gran Galà del Vino - Concerto Skillie Charles Orchestra
  3 Agosto – Castelbuono – P.zza Castello – concerto JOE CASTELLANO SUPER BLUES & SOUL BAND .
  4 Agosto – Castelbuono – P.zza Castello - Spettacolo by Zelig
  TAPPA “Sulle Vie del Barocco”
  5 Agosto – Modica – P.zza Matteotti - Degustazioni e concerto JOE CASTELLANO SUPER BLUES & SOUL BAND 
  6 Agosto – Siracusa – Castello Maniace – Degustazioni e concerto JOE CASTELLANO SUPER BLUES & SOUL BAND
 
  TAPPA SPECIALE “ETNA” – Festival del Giornalismo Enogastronomico
  7 Agosto – Pedara – Festa concerto in Piazza
  8 Agosto – Grande SOUL PARTY alle CANTINE PATRIA – Castiglione di Sicilia – Concerto Daria BIANCARDI & The Soul Caravan
  9 Agosto – Castiglione di Sicilia – GRAN GALA’ BLUES & WINE 2014 – Golf Resort “Il Picciolo” di Castiglione di Sicilia . Assegnazione “Blues & Wine Awards” per il Giornalismo, la Saggistica e personaggi del Vino - Serata Dance Live con JOE CASTELLANO  & Special Soul Legends 
  10 Agosto – MILO -  Cerimonia assegnazione “Blues & Wine Awards” per la MUSICA .
     Grande concerto di JOE CASTELLANO SUPER BLUES & SOUL BAND con le leggende Americane del Soul. Special Guest : Daria Biancardi .
 TAPPA “Sulla Via dei Florio” – MAZARA del VALLO
   12 Agosto – Mazara del Vallo P.zza Mokarta – Concerto Skillie Charles Orchestra
   13 Agosto – Mazara del Vallo P.zza Mokarta - Degustazioni alla Champagneria “Villa delle Rose”
                    Grande Concerto JOE CASTELLANO SUPER BLUES & SOUL BAND .
   14 Agosto – CEFALU’ - Hotel Sea Palace – Gran Galà di Ferragosto con cenone .
                    Concerto JOE CASTELLANO SUPER BLUES & SOUL BAND .  
   Settembre – TAPPA SPECIALE  ISOLE EOLIE 
                     in definizione date e luoghi delle varie Isole .